Recensione del film Quasi Incinta

La protagonista di questa commedia “Quasi Incinta” è Linda Alderson, che desidera essere madre,  ma suo marito Charlie soffre di oligospermia e non gli permette di fecondarla. Le cure del dottor Beckhard sembrano non avere i loro effetti. Dopo un po’ di tentennamenti, Charlie si fa convincere da Linda. I due, infatti, tentano di ricorrere ad un donatore esterno. Il prescelto è uno stravagante poeta, Gordon Mallory che accetta al volo l’occasione che gli si è presentata. Vinte le prime difficoltà, Linda si innamora di Gordon e, nonostante i vari tentativi, non riesce a rimanere incinta. Linda scopre casualmente che dalla moglie che Gordon ha subito da poco tempo una vasectomia. Linda è sconvolta e si confida con Ray, un amico di Charlie, e iniziando una relazione con lui. Intanto, Charlie, che ha ricevuto dal medico un libro sulle tecniche amatorie, le esegue sia con Linda che con Maureen. A Natale il gruppo di amici si riunisce a casa di Gordon; sia Linda che Maureeen sono incinte. Charlie è convinto di essere il padre di entrambi, ma Ray non vuole rinunciare alla donna che ama e confessa tutto all’amico. Infine, Maureen rimane vittima del fascino del suo maestro spirituale e Gordon si rifugia tra le braccia di una bionda.

Ecco dove vedere film in streaming Quasi Incinta che è stato praticamente distrutto da stampa e critica, non trovando neppure i favori del pubblico. La centralità di temi quali la fecondazione, la sterilità, il concepimento con un donatore esterno e i problemi legati alla sfera intima vengono presentati in modo eccessivamente volgare. Così, La Stampa ha affermato che “il film può almeno far registrare una sparizione della morale tradizionale dal cinema statunitense un tempo tanto rigidamente rispettoso della sacralità della famiglia”. In un articolo su “Il Corriere della Sera”, invece, Maurizio Porro ha scomodato la sociologia che, secondo il suo parere, il film usa “per farsi subito una accettabile pochade di letti ribaltabili, col marito che sospira e la mogliettina che gode tra amici e parenti consenzienti”. Sempre nello stesso pezzo, ancora Maurizio Porro critica aspramente gli attori e le attrici di punta della pellicola, per salvare solo Joan Severance “lanciata di recente come una nuova stella del porno soft in ‘Lake Consequence’ e qui impegnata a dar sorrisi e lezioni di vita come madre di cinque figli e moglie di un genio fin troppo compreso”. 

Il regista di Quasi Incinta è, invece, Michael DeLuise, figlio d’arte e appartenente ad una famiglia i cui componenti sono impegnati nel mondo del cinema. Suo padre, infatti, Dom DeLuise è stato produttore, regista, sceneggiatore e doppiatore americano, mentre sua madre è un’attrice. Anche i suoi fratelli ricoprono ruoli da attori nel cinema statunitense. Michael ha esordito come protagonista in un film soli 10 anni con Roba che scotta, diretto da suo padre. Tuttavia, la vera notorietà per Michael è giunta grazie alla partecipazione a serie televisive di spicco come Avvocati A Los Angeles, 21 Jump Street, Sea Quest 2032, Brooklyn South, New York Police Department, Una Mamma Per Amica.